Will Smith contro lo Stato della Georgia: «Nessun sostegno ai repubblicani»

3 settimane fa 27
Cinderella, uscita 5 febbraioNomadland, uscita 19 febbraioCruella, uscita prevista 28 maggioThe Suicide Squad - Missione suicida, uscita prevista 28 maggioLuca, uscita prevista 18 giugnoSpace Jam 2 - A New Legacy, uscita prevista 16 luglio su HBO MaxCandyman, uscita prevista 27 agostoUntitled Elvis Film, uscita prevista 5 novembreThe Matrix 4, uscita prevista 22 dicembre su HBO MaxPinocchioBonus, «Killers of the Flower Moon»

Will Smith non ha cercato parole concilianti. «Non possiamo, in buona coscienza, fornire sostegno economico a un governo che promuove leggi sul voto regressivo, leggi progettate per limitare l’accesso degli elettori», ha spiegato l’attore che, insieme al regista Antoine Fuqua, ha deciso di spostare la produzione di Emancipation, suo prossimo film, portandola fuori dai confini della Georgia. La pellicola, una storia di schiavi e liberazione, avrebbe dovuto essere girata nello Stato del Sud, dove la più recente politica ha, però, sollevato un malcontento che Will Smith non ha potuto ignorare.

La Georgia ha varato, infatti, nuove leggi con le quali introdurre requisiti più rigidi per l’identificazione degli elettori. Secondo l’opposizione, le misure sarebbero volte a soffocare l’impatto degli elettori di minoranza, in aperto contrasto con i principi base della democrazia. Will Smith e Antoine Fuqua, nella guerra fra democratici e repubblicani, hanno deciso di prendere le parti dei democratici, opponendosi strenuamente alle ragioni politiche dello Stato. Emanicpation, le cui riprese sarebbe dovute cominciare a giugno, verrà così girato altrove.

LEGGI ANCHE

«Willy, il Principe di Bel-Air», la reunion (su Hbo Max) per i trent'anni della serie

LEGGI ANCHE

Jada Pinkett Smith, 49 anni di vita, 23 d'amore (col marito Will Smith)
Leggi tutto