Le reazioni alla crisi – Orlando: “Grave errore di pochi che pagheremo tutti”. Castaldo (M5s): “Voltiamo pagina”

2 giorni fa 11

“Un grave errore fatto da pochi che pagheremo tutti“. Non appena Matteo Renzi ha annunciato le dimissioni della sua delegazione dal governo giallorosso, nella maggioranza il primo a reagire è stato il vicesegretario del Pd Andrea Orlando. Usando toni durissimi, dopo che fino all’ultimo minuto i dirigenti del suo partito hanno tentato di ricucire lo strappo tra i leader di Iv e il premier. Anche per il ministro dem Enzo Amendola quello di Renzi è “un grave errore: aprire la crisi in questo passaggio apre a qualsiasi scenario, ma blocca il lavoro che si stava facendo”, ha dichiarato al Tg4. “Siamo alle prese con la campagna di vaccinazione anti-Covid, dobbiamo affrontare una fase complicata” col virus che avanza, ricorda Amendola. Tutto messo a “rischio” da una crisi dagli esiti imprevedibili.

La notizia rimbalza subito anche in Europa. Il vicepresidente del Parlamento Ue in quota 5 stelle, Fabio Massimo Castaldo, commenta così su Twitter: “Al posto di spendere ogni energia per uscire insieme dalla crisi sanitaria, economica e sociale, Renzi preferisce aprire anche la crisi della serietà“. Castaldo suggerisce quindi la linea che dovrebbe adottare il Movimento, escludendo dal tavolo un Conte ter che tenga ancora dentro i renziani: “Voltiamo pagina, per proteggere l’Italia”. D’altronde i big pentastellati alla vigilia della resa dei conti nell’esecutivo sono stati chiari: “Se Renzi si rende colpevole del ritiro dei suoi ministri – l’avvertimento di Vito Crimi – con lui e Italia Viva non potrà esserci un altro governo.

L'articolo Le reazioni alla crisi – Orlando: “Grave errore di pochi che pagheremo tutti”. Castaldo (M5s): “Voltiamo pagina” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Leggi tutto